mercoledì 26 settembre 2012

Le Montagne di Avatar sono a Zhangjiajie

Non credevo che le montagne di Avatar esistessero sul serio, come pure pensavo che le immagini montane della tradizionale pittura cinese fossero una sorta di rivisitazione poetica della loro natura.

Ma quando siamo arrivati sulle terrazze panoramiche del parco di Tianzi Mountain, sono rimasta a bocca aperta.

Purtroppo le mie fotografie non riescono a rendere giustizia a panorami che hanno dell'eccezionale. La luce infatti non è stata nostra alleata.
Ciò nonostante è innegabile la poesia di queste colonne di pietra su cui crescono alberi.

Anche dalla cabinovia che ti porta sù in alto lo spettacolo è da levare il fiato, e non solo perchè si passa in mezzo alle montagne, ma perchè si ha l'esatta percezione dell'altezza e se si hanno le mie vertigini è veramente difficile resistere alla tentazione di guardare di sotto, salvo poi spaventarsi stritolando il sedile...

Un paesaggio così unico ed eccezionale che ha meritato l'inserimento nel patrimonio Unesco e che veramente non smette mai di lasciare a bocca a aperta. Terrazza dopo terrazza, scenario dopo scenario, sei lì che ti senti piccolo piccolo difronte tanta meraviglia.

Su e giù tra le scalinate del parco, arrivando a terrazze belvedere, dove il desiderio di fermarcisi tutta la giornata a godere di quella pace è veramente forte. Peccato però che di pace e tranquillità ce ne sia poca: molti i cinesi che si affollano con te sulle terrazze e i loro commenti entusiastici sono molto rumorosi, ma anche questo fa parte del folklore locale...

Ma c'è un altro posto dove persino i rumorosi cinesi rimangono senza fiato: la passerella in pavimento di cristallo, a Tienmen Mountain, posta a non so quanti metri d'altezza.Quella mattina il tempo era brutto e le nuvole avvolgevano tutto... da una parte un vero peccato: abbiamo perso uno spettacolo unico al mondo, ma d' altro canto se tutto non fosse stato così nebbioso, onestamente non so se sarei riuscita a passare (più o meno) serenamente... Considera che la foto qui di fianco è di un tratto di passeggiata non in cristallo, come poi diventerà girato l'angolo della montagna, la cui altezza era forse il triplo di quella che la mia macchinetta è riuscita a riprendere...

E' una delle montagne sacre del Hunan la Tienmen, e infatti non è raro trovare alberi i cui rami sporgenti sul vuoto sono stati adornati di nastri rossi con preghiere scritte in cinese. Anche questa spiritualità così forte regala suggestione e mistero a questa passeggiata sul vuoto. Allora chiudi gli occhi, senti il vento tra gli alberi e immagini qualche campana che diffonde nell'aria suoni bassi e tondi, in perfetto stile orientale. Ed è impossibile non chiedersi come deve essere incredibile il Tibet, se già lì ti senti a un passo dal cielo.


1 commento:

eraldo ha detto...

belle belle